Accesso pro
Sei qui: \ \ Come funziona una piscina?

Come funziona una piscina?

Per molti di noi il funzionamento di una piscina è un mistero. È quindi fondamentale comprenderne i principi di base e l’interazione tra le varie componenti. Immergiti nella visione seguendo la scaletta proposta: scoprirai così tutto quello che avresti sempre voluto sapere sulle piscine ma che non hai mai osato chiedere…

 

 

 

Schéma piscine robot : fonctionnement d'une piscine.

Legenda:

  • 1 - Spa (con bocchette): optional
  • 8 - Sistema di trattamento dell’acqua (qui: elettrolizzatore)
  • 2 - Skimmer (2)
  • 9 - Proiettori (2)
  • 3 - Regolatore di livello dell’acqua
  • 10 - Scatola di giunzione proiettori
  • 4 - Scarico di fondo
  • 11 - Presa spazzola
  • 5 - Pompa
  • 12 - Robot
  • 6 - Filtro
  • 13 - Compressore ausiliario (per robot pulitori a pressione)
  • 7 - Pompa di calore
  • 14 - Scatola elettrica

 


GUARDA IL VIDEO:
« COME FUNZIONA UNA PISCINA? »

1) Ripresa dell’acqua

Gli skimmer raccolgono e filtrano l’acqua superficiale (per 2/3) indirizzandola verso il filtro e trattenendo nel cesto prefiltro la maggior parte delle foglie e degli insetti, mentre lo scarico di fondo recupera l’acqua più fredda sul fondo (1/3) per favorire il rimescolamento. In questo modo viene assicurata non solo l’uniformità termica dell’acqua ma anche quella chimica, in quanto i prodotti trattanti sono distribuiti in maniera omogenea in tutta la vasca.

2) Aspirazione e filtraggio

La pompa, anch’essa dotata di cesto che trattiene i corpi estranei, aspira l’acqua e la indirizza verso il filtro, l’elemento chiave dell’intera installazione. Quest’ultimo trattiene le impurità garantendo la pulizia dell’acqua, fondamentale per delle belle e sane nuotate oltre che per una maggior durata dell’installazione.
Attenzione: la coppia pompa/filtro deve essere ottimizzata a vicenda, la portata della pompa non deve mai superare la capacità del filtro. Sul mercato esistono diversi tipi di filtri, che necessitano tutti di una manutenzione costante.

3) Riscaldamento

All’uscita dal filtro, l’acqua può essere riscaldata attraverso vari procedimenti: riscaldamento elettrico, pannelli solari o, come nel nostro caso, pompe di calore.

4) Trattamento della vasca

Il trattamento dell’acqua è l’ultima tappa del percorso. Esistono diversi procedimenti, più o meno automatizzati, per ottenere un’acqua perfettamente pura e perennemente equilibrata (nel nostro caso l’elettrolizzatore). Non si insiste mai abbastanza sull’importanza del trattamento dell’acqua. Scegliere un sistema economico può causare spiacevoli inconvenienti: l’equilibrio idrico è fragile ed esige, pertanto, un monitoraggio costante.
Attenzione: tutte le attrezzature sono collegate da un sistema di canalizzazioni; qualora le dimensioni delle canalizzazioni fossero errate, il sistema non funziona. Occorre dunque stabilire le dovute proporzioni. La misura della vasca consente di ipotizzare la portata della pompa e del filtro. In questo modo è possibile determinare la potenza della pompa, la capacità del filtro e il diametro delle tubazioni, sapendo che l’acqua della vasca andrebbe cambiata dalle 3 alle 6 volte ogni 24 ore.

5) Manutenzione e illuminazione

La presa a spazzola si adatta a diversi tipi di pulitori elettrici atti alla manutenzione della vasca. Infine, i proiettori permettono l’utilizzo in notturna della piscina e assicurano un’ulteriore valorizzazione della stessa in termini estetici. Sono disponibili due diverse tecnologie: la classica lampadina alogena da 300 Watt o i LED a colori, sempre più diffusi.

Configurazione della piscina La scelta del materiale giusto Consigli per la manutenzione Scopri le offerte del momento